Il mio saluto a Luis Sepùlveda

di Lucia Leonardi

(dal Post su FaceBook del 16 aprile 2020 di Lucia Leonardi )

Dal mio piccolo ti voglio ricordare con questo libro.
Fu il filo rosso della mia tesina di maturità, il tema era la lentezza.

Proprio all’inizio del confinamento ho ripreso in mano quella tesina, sentivo che c’era una piccola verità lì dentro che avevo bisogno di ricordare. Facevo un elogio della lentezza visto che spesso venivo presa in giro per essere troppo lenta! Visto che avevo sempre sentito che c’era qualcosa di disumano nei ritmi della nostra società.

Nel tuo libro mi ero rispecchiata come in un fiume… Ed ora che tanti si stanno facendo certe domande sul nostro modo di vivere così frenetico, ora mi rendo conto che quella piccola verità non era poi così piccola.

La mia lentezza è servita a incontrarti, a farmi dare un nome da te, a farmi mostrare il pericolo, e ora so che devo avvertire le mie compagne.” Il pericolo erano gli umani che avrebbero raso al suolo il prato dove vivevano le lumache…

Ciao Luìs , grazie per avermi fatto scoprire le ragioni della mia lentezza.

Grazie per i tuoi libri magici e di grande saggezza.

Gli Articoli Più Recenti

IL TEMPO NUOVO
Di: redazione1 29 Novembre 2022
Io, Hannah Arendt e il totalitarismo
Di: redazione1 28 Ottobre 2022
Il Pensiero si fa dimora
Di: redazione1 13 Ottobre 2022
Eventi Autunno 2022
Di: redazione1 22 Settembre 2022

Aggiungi il Tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contattaci

    PER CONOSCERCI

    Compila il modulo sottostante