Benvenuti nel sito dell’Ecologia Umana

Il peso portato da tanti, diventa una piuma (proverbio Saharawi).

Dante Musicus
di Simone Sorini

Trilogia del M° Sorini sul rapporto tra Dante e l’arte musicale

Buon Autunno!
di Marina Mazzanti

< Separerai il sottile dal denso con grande industria>

Costruire una nuova realtà
di Paolo Bartolini

Per costruire una nuova realtà è necessario “sentire” la vita, percepire un richiamo verso nuovi e antichissimi modi di convivere in armonia, ponendo la cura al posto dell’incuria e del dominio.

HineinHörchen 
di Luana Bonopera
Meditazione di Marina Mazzanti

…tendere l’orecchio a qualcosa che ci parla piano…

Per Sempre, ORA 
di Daniela Pavoletti

Non tutti sanno scorgere in mezzo alla selva selvaggia “il ben chi vi trovai” e vedere nel cuore del proprio inferno la salvezza che ci attende

L’INCONTRO CON L’ALTRO
Meditazione #11
di Mario e Marina

Riuscire a canalizzare le energie verso il positivo ci orientano verso l’Eterno

GET

GET (Gruppo Ecologia Terapia), la proposta di Ecologia Umana è tornare a “fare casa in se stessi”, inteso come essere a casa nel mondo, nella propria storia personale, nel proprio corpo, nel proprio vissuto emozionale, nelle proprie relazioni.

GEA

GEA (Gruppo Ecologia Allargato) sono OCCASIONI: qui la formazione continua si attua in un INCONTRO con persone che portano le loro conoscenze, la loro storia, i loro progetti; ciascuno può muovere lo sguardo dall’interno del sé all’esterno del mondo e viceversa.

GEAT

I GEAT (Gruppo Ecologia A Tema) sono pomeriggi culturali ed esperienziali, pensati come OCCASIONI più facilmente integrabili nel flusso della quotidianità; qui la formazione continua si attua in un incontro di mezza giornata con persone che portano le loro conoscenze, la loro storia, i loro progetti; i pomeriggi culturali nascono dalla spinta individuale di condividere una passione, una vocazione, una riflessione sul proprio tempo presente e su quello altrui.

Psicoterapia individuale

Mario Baldoni, laurea in filosofia, psicologo e psicoterapeuta, professione che svolge dal 1985.

Consulenza familiare

Marina Mazzanti, laureata in filosofia, consulente familiare, attività che svolge come volontariato prima e professione poi dal 1986.

Ecologia Umana

L’ecologia umana invita a vivere in connessione con l’ambiente nella sua accezione più ampia e globale in senso stretto, in un continuo scambio che trasforma reciprocamente e in modo creativo gli elementi del sistema.

La nostra storia

Chi siamo

Ci siamo conosciuti nel 1991 alla scuola di formazione in biosistemica, una psicoterapia corporea portata in Italia dallo psichiatra americano Jerome Liss M.D. che si teneva quell’anno nelle colline toscane. Da qual momento in poi le nostre vite si sono avvicinate e nel 2000 ci siamo sposati.

La nostra non è una storia comune, è una storia in comune.

 

Nel corpo e attraverso il corpo si condensano le nostre strade.
Il corpo è pensiero ,è sensazioni ,è voce, è emozioni, è parole, è relazione, è creatività.
Il corpo non è mai cosa banale, tutto passa attraverso il corpo.
Un giorno costruiremo un “corpo” anche all’Ecologia Umana, un luogo fisico, una casa che sarà una vera e propria “oikos”…una casa dell’armonia universale…

Mario e Marina

Dicono di Ecologia Umana

Testimonianze

Devo molto all’ecologia umana, grazie alla quale ho trovato sintesi, integrazione, sviluppo, personale e professionale. Perché grazie all’approccio ecologico ogni aspetto di Sé, come del mondo esterno e dell’ Altro, sono interdipendenti e il senso, l’essenza di quanto esiste come realtà sensibile, si concretizza nelle connessioni tra le parti, tra il livello micro e il livello macro, l’interno e l’esterno, l’individuo e l’ambiente, il presente, il passato e il futuro.

Devo molto all’ecologia umana, grazie alla quale ho trovato sintesi, integrazione, sviluppo, personale e professionale.
Sara
Bologna
Dicono di Ecologia Umana

Testimonianze

Siamo arrivati ad ecologia umana nel cercare casa, nel sentire che tra l’essere di ognuno di noi, gli altri e l’universo c’erano intermittenze, un dialogo negato che ci chiedeva presenza e ascolto.
Abbiamo fatto insieme passi sudati, passi leggeri, passi esultanti. Nell’andare si è affinata la sensibilità del piede che poggia a terra e ringrazia del sostegno, del nutrimento che con solidità amorevole ci vengono donati…

Nelle possibilità dell’esistente è la mia unicità. Sono gesti di affidamento e di relazione.
Monica
Pesaro
Contattaci

    PER CONOSCERCI

    Compila il modulo sottostante