Meditazione #10: Il Silenzio

di Catello Manfuso, Mario Baldoni e Marina Mazzanti

Il “troppo” è troppo spesso a scapito della qualità.

Che oggi si parli troppo è fuori discussione; tant’è che si fanno convegni in cui l’oggetto della ricerca collettiva è il silenzio.
Ho appreso che la Finlandia, per lanciare il turismo, ha convocato esperti che hanno consigliato di puntare sul silenzio dei boschi e dei laghi del paese.
Nel silenzio l’essere umano scende nella profondità di se stesso alla ricerca dell’autentico nucleo del suo animo.

Aggrediti da tanti suoni e parole, spero che questa poesia che seguirà, vi conduca dentro di voi.
Infatti essenzialmente il ruolo della letteratura è proprio questo: una lanterna che ci guida semiciechi nei meandri di noi stessi.
È in quel buio che la poesia ci apre gli occhi.
Non abbiate paura di inoltrarvi.
Buon ascolto.

Dott. Catello Manfuso

 

Ascolta la meditazione:

 

Brani estratti dalla poesia “Ho conosciuto il silenzio” di Edgar Lee Masters

Ho conosciuto il silenzio delle stelle e del mare
e il silenzio della città quando si placa
e il silenzio di un uomo e di una vergine
e il silenzio con cui soltanto la musica trova linguaggio.

Il silenzio dei boschi
prima che sorga il vento di primavera
e il silenzio dei malati quando girano gli occhi per la stanza,
e chiedo per le cose profonde a che serve il linguaggio.

Un animale nei campi geme una o due volte
quando la morte coglie i suoi piccoli;
noi siamo senza voce di fronte alla realtà.
Noi non sappiamo parlare.

….

C’è il silenzio di un grande odio
e il silenzio di un grande amore
e il silenzio di una profonda pace dell’anima
e il silenzio di un’amicizia avvelenata.

C’è il silenzio di una crisi spirituale
attraverso la quale l’anima, sottilmente tormentata,
giunge con visioni inesprimibili
in un regno di vita più alta,
e il silenzio degli dèi che si capiscono senza parlare.

C’è il silenzio della sconfitta
c’è il silenzio di coloro che sono ingiustamente puniti
e il silenzio del morente, la cui mano stringe subitamente la vostra.

C’è il silenzio tra padre e figlio,
quando il padre non sa spiegare la sua vita, sebbene in tal modo
non trovi giustizia.

C’è il silenzio che interviene fra il marito e la moglie
c’è il silenzio dei falliti
e il vasto silenzio che copre le nazioni disfatte e i condottieri vinti.

C’è il silenzio dei vecchi,
troppo carichi di saggezza
perché la lingua possa esprimerla
in parole intelligibili
a coloro che non hanno vissuto la grande parabola della vita.

E c’è il silenzio dei morti.
Se noi che siamo vivi non sappiamo parlare di profonde esperienze,
perché vi stupite che i morti non vi parlino della morte?
Quando li avremo raggiunti
il loro silenzio avrà spiegazione.

 

SCARICA IL PODCAST DELLA MEDITAZIONE #10 “IL SILENZIO”

 

Gli Articoli Più Recenti

Buon Autunno
Di: redazione1 5 Ottobre 2021
Utopia: Rivoluzione o Connessione?
Di: redazione1 5 Ottobre 2021
PREPARIAMOCI!
Di: redazione1 14 Settembre 2021
LA SACRA SOGLIA
Di: redazione1 3 Settembre 2021

Aggiungi il Tuo Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contattaci

    PER CONOSCERCI

    Compila il modulo sottostante